Ferratelle abruzzesi, chiamate anche pizzelle, cancellate o neole

Oggi vi presento un grande classico della cucina abruzzese, le ferratelle o se preferite neole, nevole, pizzelle, tanti nomi per un unico dolce! Le ferratelle abruzzesi vengono preparate perlopiù in inverno, a Pasqua e in occasione delle feste patronali. Sono cialde cotte all’interno di un “ferro”, appena incavato e a doppia piastra, che “imprime” una caratteristica forma, solitamente rettangolare, tondeggiante o a ventaglio, contrassegnata dalla forgiatura in rilievo con la tipica trama a rombi o cancello, da quì il nome “ferratelle”. (fonte wikipedia) Circa le origini, non ci sono fonti certe e attendibili, tuttavia la tradizione di forgiare i ferri con l’incisione dello stemma del casato o le iniziali del proprietario insieme alla data di fabbricazione, fanno pensare che già alla fine del ‘700, “lu ferre”, portato solitamente in dote dalla sposa, era diffuso in buona parte delle famiglie abruzzesi. A seconda del tipo di ferro, si possono realizzare ferratelle morbide o croccanti, ecco la ricetta di quelle morbide.

Ferratelle abruzzesi

Ferratelle abruzzesi

Ingredienti

1 uovo

1 cucchiaio di zucchero

1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

50 g. di farina

1 cucchiaino di liquore a piacere (limoncello, sambuca, cointreau..)

Attrezzatura:

Ferro manuale per ferratelle , oppure la macchina elettrica per cialde e waffel

Preparazione:

Con queste dosi si ottengono circa 7/8 ferratelle, moltiplicate gli ingredienti in base a quante volete prepararne.

Sbattere bene l’ uovo con lo zucchero, aggiungere l’olio e il liquore e mescolare bene. Unire la farina, poca alla volta e mescolare fino ad ottenere una pastella piuttosto densa omogenea e senza grumi.

Mettere il ferro sul fornello e farlo riscaldare molto bene (quando il ferro è ben caldo, la cialda si toglie immediatamente), quindi aprirlo, ungerlo leggermente e versare un cucchiaio di pastella al centro (non arrivare al bordo perché chiudendo si allarga e potrebbe uscire!).

Chiudete il ferro stringetelo bene e rimetterlo sul fuoco, mantenerlo poco più di un minuto, poi girarlo e tenerlo un’altro minuto sull’altro lato.

Spostare il ferro dal fornello e con l’aiuto di una forchetta togliere la ferratella.

Ripetete l’operazione fino alla fine dell’impasto (non occorre ungere sempre, basta la prima volta).

Se vi è piaciuta questa Ricetta seguitemi anche sulla Pagina Facebook. Diventate miei fan, per rimanere sempre aggiornati sulle nuove ricette!

https://www.facebook.com/dolcidasognoo




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Comments

  1. Eccoleeeeeeeeeeeeee….. amore puro!!!!!! Ho preso proprio questo ferro 🙂 L’originale ^_^

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *